Stiamo preparando la nuova edizione! Appuntamento il 19 Marzo 2017. Per rimanere aggiornati, iscrivetevi alla Newsletter Stramilano!

  • PARTENZA: Piazza del Duomo
  • Via Mengoni
  • Via Santa Margherita
  • Piazza Scala
  • Via Case Rotte
  • Largo Mattioli
  • Via Catena
  • Piazza Meda
  • Corso Matteotti
  • Piazza San Babila
  • Corso Venezia
  • Via Palestro
  • Via Marina
  • Via Senato (corsia bus)
  • Via Sant'Andrea (contromano)
  • Via Montenapoleone
  • Via Manzoni
  • Piazza Scala
  • Via Santa Margherita
  • Via Mengoni (contromano)
  • Via Mercanti
  • Piazza Cordusio
  • Via Dante
  • Largo Cairoli
  • Via Beltrami (lato sinistro)
  • Piazza Castello
  • Vialetti Interno Parco Sempione
  • Ingresso Arena Civica: Porta Trionfale
  • ARRIVO: Arena Civica
  • PARTENZA: Piazza del Duomo
  • Via Mengoni
  • Via Santa Margherita
  • Piazza Scala
  • Via Case Rotte
  • Largo Mattioli
  • Via Catena
  • Piazza Meda
  • Corso Matteotti
  • Piazza San Babila
  • Corso Venezia
  • Piazza Oberdan
  • Viale Majno
  • Piazza del Tricolore
  • Viale Bianca Maria
  • Piazza V Giornate
  • Viale Regina Margherita
  • Viale Caldara
  • Viale Filippetti
  • Viale B.d'Este
  • Piazzale Porta Lodovica
  • Viale Gian Galeazzo
  • Piazza XXIV Maggio
  • Viale G.d'Annunzio
  • Piazza Cantore
  • Viale Papiniano
  • Piazzale Aquileja
  • Viale di Porta Vercellina
  • Piazzale Baracca
  • Viale Toti
  • Piazza Conciliazione
  • Via XX Settembre
  • Via Curie
  • Viale Moliere
  • Viale Alemagna
  • Viale Gadio
  • Vialetti Interno Parco Sempione
  • Ingresso Arena Civica: Porta Trionfale
  • ARRIVO: Arena Civica
  • PARTENZA: Piazza Castello
  • Via Gerolamo Gadio
  • Viale Legnano
  • Porta Tenaglia
  • Viale Elvezia - (Andata contromano)
  • Viale Giulio Douhet - (Andata contromano)
  • Via F. Melzi d’Eril - (Andata contromano)
  • Corso Sempione - (Andata contromano)
  • Giro di boa Corso Sempione prima di Via Ezio Biondi
  • Corso Sempione - (Ritorno contromano)
  • Viale F. Melzi D’Eril - (Ritorno contromano)
  • Viale Giulio Douhet - (Ritorno contromano)
  • Viale Elvezia - (Ritorno contromano)
  • Piazza Lega Lombarda
  • Piazzale Biancamano
  • Bastioni di Porta Volta
  • Viale Francesco Crispi
  • Piazza XXV Aprile
  • Bastioni di Porta Nuova
  • Via Melchiorre Gioia
  • Viale della Liberazione
  • Piazza San Gioachimo
  • Via Ferdinando di Savoia duca di Genova
  • Piazza della Repubblica
  • Viale Tunisia
  • Corso Buenos Aires
  • Piazza Guglielmo Oberdan
  • Viale Luigi Majno
  • Piazza del Tricolore
  • Viale Bianca Maria
  • Piazza Cinque Giornate
  • Viale Regina Margherita
  • Viale Emilio Caldara
  • Piazza Medaglie d’Oro
  • Viale Beatrice d’Este
  • Piazzale di Porta Lodovica
  • Viale Gian Galeazzo
  • Piazza XXIV Maggio
  • Viale Gabriele d’Annunzio
  • Piazzale Antonio Cantore
  • Viale Papiniano
  • Via Antonio Dugnani
  • Via Vincenzo Foppa
  • Via Giorgio Washington
  • Piazza Piemonte
  • Via Michelangelo Buonarroti
  • Piazza Riccardo Wagner
  • Via Michelangelo Buonarroti
  • Piazza Michelangelo Buonarroti
  • Via Tiziano
  • Viale Cassiodoro
  • Piazza VI Febbraio
  • Viale Severino Boezio
  • Largo Domodossola
  • Viale Duilio
  • Piazzale Carlo Magno
  • Via Alcuino
  • Piazzale Damiano Chiesa
  • Via Emanuele Filiberto
  • Corso Sempione
  • Via Francesco Melzi D’Eril
  • Viale Giulio Douhet
  • Viale Repubblica Cisalpina
  • Viale Congresso Cispadano
  • Viale Legione Lombarda
  • Ingresso Arena Civica: Porta Trionfale
  • ARRIVO: Arena Civica

Stramilano Story

Fenomeno popolare sportivo. Sinonimo di aggregazione e movimento all’aria aperta, attitudine allo stare insieme con simpatia.
Ha cambiato le rigide abitudini dei milanesi, casa – fatturato e basta, che a piedi e comunque sempre “di corsa…” finalmente illuminano Milano di spontanea giovialità, prendendo parte all’evento sportivo di massa più amato della città.
Collocazione collaudata nella storia dei milanesi, signore e signori, ecco la Stramilano: la Stramilano dei 50.000.

Dalla Milano-Proserpio, una “passeggiata non competitiva” di 43 Km che Renato Cepparo organizzava, in notturna, con la famiglia ed alcuni amici, prese forma il concetto della Stramilano.

La prima edizione si svolse un martedì del 1972, in notturna, con partenza dall’oratorio di Viale Suzzani. Km 24,700 lungo la grande circonvallazione della città, organizzata con gli amici del Gruppo Alpinistico Fior di Roccia, fervido compendio di vita alpinistica e sportiva. Ha inizio così, dal genuino e schietto divertimento di un allegra combriccola di milanesi casinari, l’era delle tapasciate con la prima non competitiva italiana: la Stramilano.

Al via si presentarono 3.500 partecipanti, ai quali se ne aggiunsero altri 3.000 fuori quota.
Curiosità: nonostante l’aspetto ludico di questa prima epica Stramilano, vollero parteciparvi anche alcuni affermati atleti italiani, non solo… la performance di De Menego, il maratoneta cortinese, gli permise di essere ammesso alla maratona olimpica di Monaco di Baviera.

Ignari depositari del jogging e dell’attività sportiva amatoriale, increduli dell’inaspettata e crescente risposta di pubblico (i cosiddetti tapascioni!), sono giunti inarrestabili alla 44esima manifestazione.

Partenza da Piazza Duomo: il rombo del cannone del Reggimento Artiglieria a cavallo e l’immancabile fanfara dei bersaglieri, (alla Stramilano tutto va di corsa…) sono il mitico start dei 50.000. Corrono, camminano, alcuni zoppicano ma va bene, in un clima di lieta condivisione, lungo i 10 Km che li separa dall’Arena Civica dove li attende medaglia, ristoro, la banda e la soddisfazione di aver accettato la sfida di arrivare al traguardo.

Inconsapevolmente lo start dall’oratorio di Viale Suzzani anticipava la significativa entrata in calendario Fidal della Stramilano Agonistica Internazionale con l’Half Marathon di Km 21,097 nell’anno 1976.

L’agonismo a braccetto della prorompente marcia dei 50.000. La manifestazione nella manifestazione, che richiama ad ogni edizione, campioni olimpici e detentori di record mondiali iscritti nell’Albo d’Oro dell’atletica leggera, e che tuttavia non smentisce l’illustre DNA di manifestazione popolare.
Sempre al rombo del leggendario cannone si uniscono ai grandi della corsa (emozionante vederli tutti insieme nel riscaldamento, avanti e indietro nella via prospiciente il Castello degli Sforza/Visconti), la massa degli appassionati che, fieri del numero a loro assegnato, tendono a fare il loro personale.
Prestigio e tradizione alla Stramilano Agonistica è la consueta partecipazione dei 1.500 atleti dell’Esercito Italiano.
Dal 1996 il sodalizio Stramilano – Croce Rossa Italiana garantisce ai concorrenti l’assistenza sanitaria e logistica.

Ma i veri campioni della Stramilano sono i mini agonisti, indiscussi promotori di spensieratezza e allegria.

Il gaio vociare dei piccoli atleti è la Stramilanina. La gara su misura dei bambini (e di chi vuole fare meno fatica!). Per una buona oretta mettono alla corda i grandi, pronti a cimentarsi nel loro mini-percorso di 5 Km da piazza Duomo all’Arena, il festoso spuntino al secondo chilometro e poi via di nuovo verso la medaglia.
L’attenzione del pubblico e dell’organizzazione tutta è su di loro. Pettorale e t-shirt per insegnare a noi grandi che correre in allegria, fa bene al fisico e fa ancora più bene all’anima.

E alura fiulett andì semper de cursa, Milan l’è un gran Milan, el ve spetta!