State utilizzando un browser datato. Per la vostra sicurezza e per una esperienza migliore sul web, vi consigliamo di aggiornare il vostro browser.

Arma dei Carabinieri

Il Centro Sportivo Carabinieri fu fondato nel lontano 1964 e nella sua più che cinquantennale gloriosa attività ha scritto pagine indelebili della storia dello sport italiano.

Con i suoi atleti ed i suoi tecnici di elevato profilo, l’Arma ha da sempre contribuito fattivamente ad incrementare lo sport su base nazionale, assolvendo anche alla delicata funzione di far proseguire l’attività agonistica ad atleti di rilievo e fornendo loro un indispensabile e sicuro sostegno logistico, economico ed organizzativo, che altrimenti difficilmente avrebbero potuto trovare altrove.
I carabinieri atleti hanno conquistato una posizione di preminenza nello sport italiano e la maggior parte di loro sono inseriti nelle rappresentative nazionali delle varie specialità, spesso allenate da tecnici provenienti dalle fila dell’Istituzione, come suggellato dagli accordi tra il Comitato Olimpico Nazionale e le Forze Armate.

Dal 1964 in poi, fino ai nostri giorni, sono moltissimi i campioni che hanno gloriosamente vestito i colori dell’Arma. Oltre al Generale Raimondo D’Inzeo, indimenticato cavaliere olimpico che, in realtà, rappresentava l’Arma prima ancora della costituzione del Centro Sportivo, come non menzionare fuoriclasse del passato del calibro di Michele Maffei, Angelo Mazzoni, Mauro Numa, Luigi Tarantino, Alessandro Puccini e Salvatore Sanzo nella scherma, il pugile Patrizio Oliva, Marcello Guarducci nel nuoto, il tiratore Roberto Ferraris, i marciatori Vittorio Visini e Giovanni De Benedictis, il judoka Ezio Gamba, il pentatleta Gianluca Tiberti, ovvero le stelle degli sport invernali Alberto Tomba, Silvio Fauner, Paul Hildgardner, Walther Plank, Giorgio Di Centa, Pietro Piller Cottrer, il biatleta Andreas Zingerle fino a chiudere in bellezza con la leggenda planetaria dello slittino Armin Zoeggeler, 6 medaglie olimpiche in altrettante edizioni dei Giochi.

Arrivando poi agli anni più recenti i nomi altisonanti del Centro Sportivo Carabinieri sono quelli di Arianna Errigo nel fioretto, del taekwondoka Carlo Molfetta, medaglia d’oro a Londra 2012, di Petra Zublasing e di Massimo Fabbrizi nel tiro; e come non menzionare Riccardo De Luca nel pentathlon, Valentina Truppa e Stefano Brecciaroli negli sports equestri o Rosalba Forciniti, bronzo nel judo alle olimpiadi di Londra o l’uomo jet delle nevi Peter Fill, asso della discesa libera mondiale. A loro si aggiunge un folto gruppo di atleti che dal 1° gennaio del 2017, con l’assorbimento dell’ex Corpo Forestale dello Stato nell’Arma, hanno rafforzato il comparto sportivo dei Carabinieri e tra loro da citare sono sicuramente la spadista Rossella Fiamingo, la tiratrice Chiara Cainero, i nuotatori Luca Dotto e Silvia Di Pietro, il cavaliere Emanuele Gaudiano, il discesista Dominik Paris, la biatleta Lisa Vittozzi e i canoisti Stefano Oppo e Marcello Miani, fino ad arrivare a Yuri Confortola e Nicola Rodigari, specialisti dello short track.

Alla 49a edizione della Stramilano parteciperanno gli atleti Sergiy Polikarpenko (1998) e Michela Cesarò (1999), mentre i colleghi della Sezione Sportiva di Paracadutismo effettueranno un lancio sull’area dell’arrivo.

La partenza delle gare sarà vivacizzata dalla Fanfara del 3° Reggimento Carabinieri Lombardia.

http://www.carabinieri.it/